Home > La fondazione > Adriano Olivetti > Tecnica e Organizzazione
Tecnica e Organizzazione

Copertina del giugno 1950


Copertina del primo numero della rivista Tecnica e Organizzazione, gennaio 1937

La Fondazione Adriano Olivetti conserva in deposito presso l’Archivio Storico di Ivrea le riviste storiche fondate da Adriano Olivetti e che tali si possono definire perché alcune di esse hanno conquistato un posto di rilievo nella storia della cultura del novecento. È sufficiente citare riviste come SeleArte, Urbanistica, Zodiac, Metron architettura, Tecnica ed Organizzazione, Sapere. Alcune di esse godevano solo del sostegno e della gestione delle Edizioni di Comunità al fine di superare particolari momenti di difficoltà.

Riviste come SeleArte e Zodiac sono stati strumenti essenziali per comunicare col mondo e perché, dopo anni di autarchia, il mondo della produzione artistica italiana entrasse a dialogare col mondo senza complessi, su un piano di parità.

Risale al 1937 la prima uscita di Tecnica ed Organizzazione, voluta da Adriano Olivetti per dibattere temi e problematiche di primaria importanza per un’industria moderna che vuole affermarsi sui mercati internazionali.

Tecnica ed Organizzazione
Uomini macchine metodi nella costruzione corporativa (poi Rivista mensile di studi sul lavoro umano; poi Rivista bimestrale di economia e tecnica dell’industria meccanica) è stata pubblicata dal 1937 al 1944 (prima serie) e dal 1950 al 1958 (seconda serie) con diversa periodicità (dal 1937 al 1938 bimestrale; dal 1939 al 1944 trimestrale; dal 1950 al 1951 mensile; dal 1952 al 1958 bimestrale). Edita dalle Edizioni di Comunità, ha avuto la direzione di Mario Levi, Adriano Olivetti, Aldo Levame, Edoardo Abbele, Francesco Brambilla Tra gli illustratori figura Marcello Nizzoli che realizza dal 1952 al 1958 anche le copertine.