Home > News > 2012 > Smart Living Ivrea. Histories of Now. Musei virtuali per la cittą del XXI secolo
Smart Living Ivrea. Histories of Now. Musei virtuali per la cittą del XXI secolo
05 giugno 2012

Nell’ambito del Festival Architettura in Città 2012, la Città di Ivrea, in collaborazione con la Fondazione Adriano Olivetti, l’Alta Scuola Politecnica e il Consorzio Imprese Canavesane, ha promosso il 1 giugno nella Sala Cupole dell’edificio La Serra, una serie di iniziative che con approcci diversi affrontano la riflessione su Ivrea, Smart City.

In particolare Histories of Now. Musei virtuali per la città del XXI secolo è stato l’incontro promosso dalla Fondazione Adriano Olivetti e dalla Alta Scuola Politecnica.

Quale ruolo possono avere oggi i musei urbani nelle trasformazioni delle città? come possono trasmettere le loro “collezioni”, destinate al cambiamento continuo? Quale ruolo possono giocare con i musei virtuali nelle città in trasformazione? Come intervengono nel museo urbano contemporaneo le nuove tecnologie portatrici non solo di nuovi modi di osservare la realtà urbana, ma capaci di produrre nuovi linguaggi e nuove narrazioni di oggetti e luoghi? Come i musei virtuali anticipano e collaborano a un nuovo significato delle future smart cities? Quali ruoli sono chiamati a rivestire nei musei virtuali gli archivi del passato e del presente? Quali forme di partecipazione può avere il pubblico in questi musei?
L’occasione per queste riflessioni e altre ancora è stata data dalla discussione pubblica del progetto “Ianus” sulle potenzialità di un museo urbano di Ivrea, elaborato durante il VI ciclo dell’Alta Scuola Politecnica nel progetto “Rethinking Industrial Cities, Ivrea as Unesco Site” che ha caratterizzato la prima parte dell’incontro e dal dibattito che ha aperto gli interventi dei relatori invitati nella seconda parte. Accanto a Francesca Giliberto, Matteo Novati, Andrea Migliarese, Annalisa Andeloro, Alessia Malpelli, Lara Di Chio, studenti dell’Alta Scuola Politecnica, hanno discusso di musei urbani e musei virtuali, tra gli altri: Jeffrey Schnapps, direttore del MetaLab di Harvard; Daniele Jalla, direttore di MuseoTorino e presidente del Comitato Italiano di ICOM; Rocco Curto, direttore del Dad del Politecnico di Torino; Francesca Filippi, curatore di MuseoTorino; Graciliano Berrocal di Studioata.

Scarica qui il programma della giornata