Home > News > 2013 > Pietromarchi e il suo imprinting olivettiano alla Biennale di Venezia
Pietromarchi e il suo imprinting olivettiano alla Biennale di Venezia
29 maggio 2013

Bartolomeo Pietromarchi è curatore sia del Padiglione Italia che del progetto TIME LAPSE al Negozio Olivetti in Piazza San Marco.


"... La Fondazione Adriano Olivetti si è da sempre posta il problema di dialogare con un contesto antropologico e sociologico più ampio. Questo approccio all’arte è rimasto un pò l’imprinting della mia attività...".

Con queste parole Bartolomeo Pietromarchi, già Direttore e Segretario Generale della Fondazione Adriano Olivetti dal 1998 al 2007, attualmente membro del nostro Centro Studi, conclude l’intervista, pubblicata su Il venerdì de La Repubblica del 24 maggio scorso, sul progetto vice versa inaugurato lo scorso 30 maggio al Padiglione Italia_55 esposizione internazionale di arte La Biennale di Venezia.

E Pietromarchi prosegue il suo personale omaggio a Adriano Olivetti anche nel Negozio Olivetti di Piazza San Marco, gioiello del FAI Fondo Ambiente Italiano dal 2011, in cui sarà visibile l’installazione "Time Lapse" di Armin Linke e Donato Dozzy/Rabih Beaini: una rilettura attraverso il suono e la fotografia dell’architettura del Negozio commissionato a Carlo Scarpa, nel 1957, da Adriano Olivetti (un «biglietto da visita» più che un punto vendita, secondo le intenzioni del committente) e inaugurato l’anno successivo.


Per maggiori informazioni sul progetto Viceversa e sull’installazione Time Lapse clicca qui