Home > News > 2011 > Il Negozio Olivetti di Venezia diventa punto FAI
Il Negozio Olivetti di Venezia diventa punto FAI
15 maggio 2011

Vetrina del Negozio Olivetti di Venezia

Gestione in comodato gratuito. Con questa formula, in base all’accordo tra Assicurazioni Generali e FAI, lo storico "Negozio Olivetti" di Piazza San Marco a Venezia è diventato la sede veneziana della Fondazione, dove saranno ospitati eventi culturali e offerte informazioni su itinerari artistici e storici a Venezia e in Veneto. L’apertura al pubblico è stata inaugurata il 22 aprile 2011.

"E’ un grande onore per il FAI accogliere l’incarico di gestione del ’Negozio Olivetti’ di Carlo Scarpa. Un autentico gioiello, un piccolo ambiente che si affaccia sulla piazza più bella del mondo, studiato e disegnato dal suo progettista in ogni minimo particolare, dove spazio e decorazioni si fondono in modo così armonico da farne un capolavoro totale". Con queste parole la Presidente FAI, Giulia Maria Mozzoni Crespi, ha accolto l’accordo siglato dalla Fondazione con Assicurazioni Generali, in base al quale lo storico "Negozio Olivetti" di Piazza San Marco a Venezia diventerà la sede veneziana della Fondazione.


Alcuni cenni storici

1957-1958

Per iniziativa di Adriano Olivetti che ne affida l’allestimento all’architetto Carlo Scarpa, il Negozio viene trasformato in uno dei più importanti capolavori d’architettura del Novecento italiano. Destinato secondo le intenzioni dello stesso Olivetti a diventare prestigioso punto d’esposizione delle celebri macchine da scrivere, il Negozio diventa anche spazio espositivo per piccole mostre d’arte di elevata qualità, come la mostra dedicata a Dino Buzzati nel 1978.

anni ’80-’90

Con il passare degli anni l’evoluzione dei mercati rende la gestione del Negozio così onerosa da causarne la chiusura.

1998

Il Negozio riapre e per un certo periodo diventa punto vendita di semplici souvenir per turisti che offuscano la sofisticata bellezza dell’architettura scarpiana.

2009

Sulla spinta dell’eco di proteste di importanti esponenti del mondo della cultura e dell’architettura internazionali, primo fra tutti lo storico dell’architettura Francesco Dal Co, le Assicurazioni Generali, proprietarie del Negozio, decidono con grande intelligenza e sensibilità di raccogliere l’appello. Dopo aver curato il restauro del Negozio, in collaborazione con la Soprintendenza di Venezia, ne affidano la gestione al FAI.

Aprile 2011

La Fondazione riaprirà al pubblico il Negozio Olivetti, restituendo così agli italiani un’icona del Novecento. Il Negozio diventerà "Museo di se stesso" e luogo di incontro, di informazioni e proposte culturali di alto livello sul territorio veneziano.