Home > News > 2019 > Apertura straordinaria Fondazione Adriano Olivetti
Apertura straordinaria Fondazione Adriano Olivetti
07 novembre 2019

APERTURA STRAORDINARIA è una nuova iniziativa realizzata dalla Fondazione Adriano Olivetti con il contributo della Regione Lazio, che intende promuovere e rendere fruibili, oltre il consueto orario, la Biblioteca e l’Archivio conservato nella sede romana di Via Giuseppe Zanardelli.

 

LA FONDAZIONE ADRIANO OLIVETTI

A tutelare, valorizzare e divulgare la storia e il pensiero di Adriano Olivetti è oggi l’omonima Fondazione, costituita dalla famiglia nel 1962, con sede a Ivrea e a Roma. Le attività di ricerca, formazione e divulgazione e i progetti promossi in Italia e all’estero in collaborazione con istituzioni pubbliche, private e del terzo settore, ne caratterizzano il profilo di istituzione filantropica attiva e non di erogazione. La Fondazione Adriano Olivetti aderisce dal 1998 all’European Foundation Center, network di fondazioni europee che promuove e valorizza il ruolo della filantropia in Europa e nel mondo.

 

L’ARCHIVIO

L’archivio conservato nella sede di Roma, che si aggiunge a quello storico conservato a Ivrea, raccoglie i materiali che documentano le attività e i progetti della Fondazione dal 1962 a oggi. L’archivio è una testimonianza del ruolo che la Fondazione Adriano Olivetti ha ricoperto negli ultimi cinquant’anni, come istituzione culturale e di ricerca attiva in ambito nazionale e internazionale, impegnata nel promuovere iniziative e studi sempre rivolti all’innovazione, nel solco della tradizione olivettiana. Di particolare rilievo per la storia politica, economica e sociale italiana, l’archivio è stato dichiarato nel 2004 di notevole interesse storico dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio. Grazie alla collaborazione con la Scuola Speciale Archivisti e Bibliotecari dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, e con il sostegno della Regione Lazio, tra il 2006 e il 2010 sono stati realizzati il riordino complessivo del patrimonio, la catalogazione e l’informatizzazione dell’archivio, di cui è oggi disponibile l’inventario, consultabile sia in formato cartaceo che attraverso il programma GEA di Archivi del Novecento.Il lavoro ha interessato in particolare le serie archivistiche inerenti la costituzione e le attività svolte nei cinquant’anni di vita della Fondazione con lo scopo di ricostruire anzitutto la storia della Fondazione e il ruolo che questa ha assunto, fin dalla sua costituzione, come centro culturale e di ricerca, in ambito italiano ed europeo.Ad oggi la consistenza del materiale inventariato è di 754 fascicoli e 210 buste. Estremi cronologici dal 1962 al 2000.

 

LA BIBLIOTECA

La Biblioteca della Fondazione Adriano Olivetti raccoglie oltre 10.000 volumi di cui fanno parte le biblioteche personali di Adriano Olivetti e di suo padre Camillo, la collezione completa dei volumi pubblicati dalle Edizioni di Comunità, la raccolta completa dei numeri della rivista Comunità e di altre riviste edite dalle edizioni di Comunità. Sono inoltre disponibili per la consultazione la serie dei Quaderni della Fondazione Adriano Olivetti, e la collezione completa delle pubblicazioni che dal 1962 a oggi la Fondazione ha realizzato in collaborazione con altre case editrici. La biblioteca aderisce al Polo SBN degli Istituti Culturali di Roma (IEI).