Home > Pubblicazioni > Collana Intangibili
Intervista a Ludovico Quaroni
Pubblicato nel 2011
Collana Intangibili 18 - 56pp. - ISBN: 9788896770160
Tra il 1983 e il 1984, Valerio Ochetto, giornalista e scrittore, avviò il lungo lavoro di ricerca per la scrittura della biografia di Adriano Olivetti, uscita nel 1985 presso Arnoldo Mondadori nella collezione Le Scie. In quegli anni la Fondazione Adriano Olivetti ancora non aveva avviato la costituzione, insieme con la Società Olivetti, del primo nucleo di ciò che è oggi l’Associazione Archivio Storico Olivetti, dove sono conservati, fra gli altri materiali, gli archivi delle personalità imprenditoriali della famiglia Olivetti, in particolare le carte private e gli archivi di Adriano Olivetti, di Camillo e di Roberto Olivetti.

E così, alla ricerca di Adriano Olivetti, il quale non aveva lasciato un archivio ordinato a testimonianza delle sue molteplici attività, Ochetto organizzò un grande lavoro di ricostruzione raccogliendo documenti sparsi tra i vari archivi aziendali e famigliari, e in quelli dei collaboratori più stretti di Adriano Olivetti. Soprattutto, si avvalse dei racconti di decine di testimoni diretti, spesso registrandoli, dando vita a una narrazione biografica scrupolosa della vicenda di Adriano Olivetti, affascinante e unica, ancora oggi essenziale per chi intende approfondire gli aspetti pubblici della sua vicenda e scoprire, nell’intimità dei ricordi di chi lo conobbe, la sua enigmatica personalità.

Il corpo di testimonianze e interviste, insieme con quelle raccolte in occasione di due storici convegni promossi dalla Fondazione a Ivrea, nel 1980, e a Reggio Calabria nel 1982, rappresenta un patrimonio della memoria che la Fondazione, insieme con l’Associazione Archivio Storico Olivetti, ha deciso di valorizzare presentando le più significative nella Collana Intangibili.

In ricorrenza del centenario della sua nascita e per accompagnarne le celebrazioni, ci è sembrato naturale presentare, come primo momento di questo lavoro, l’intervista a Ludovico Quaroni, tra i collaboratori più stretti di Olivetti e a lungo al suo fianco nell’attività del Movimento Comunità e nell’impegno per l’architettura e per l’urbanistica.

La Fondazione Adriano Olivetti conserva presso i suoi archivi il Fondo Ludovico Quaroni con il mandato, affidatogli dagli eredi, di valorizzare il patrimonio documentale lì custodito. Il Fondo, attualmente in catalogazione, testimonia l’attività dell’architetto romano raccogliendo migliaia di unità archivistiche tra disegni, progetti, foto, plastici, materiali di lavoro, corrispondenza e carte private, ed è arricchito da una grande biblioteca e da un’emeroteca, presto accessibili a studiosi e ricercatori.


Visita la pagina dedicata al Centenario della nascita di Ludovico Quaroni