Qual è il ruolo della filantropia nel promuovere una crescita sostenibile?

Nell’Hague Club e nell’European Foundation Centre, la Fondazione Adriano Olivetti ha sempre avuto un ruolo attivo nella promozione della filantropia in Italia e all’estero.

Sin dagli anni Sessanta quando, insieme con un gruppo di fondazioni private statunitensi (Ford Foundation e Rockefeller Foundation) ed europee (Max Planck, Thyssen, Calouste Gulbenkian , Agnelli, Bernard Van Leer e Nuffield, tra gli altri) la Fondazione Adriano Olivetti ha contribuito alla nascita del The Hague Club, formalmente istituito nel 1971 durante l’International Foundations Meeting tenutosi a Torino per volere della Fondazione Volkswagen (Germania), della Fondazione Giovanni Agnelli (Italia), della Fondazione Bernard van Leer (Paesi Bassi) e del Wellcome Trust (Regno Unito).

Il Club prese il nome dalla città olandese in cui si sono svolti gli incontri propedeutici alla sua creazione e si propose di fungere da forum per la discussione di temi rilevanti di respiro internazionale e del ruolo della filantropia nel progresso delle società contemporanee.

In continuità con l’esperienza del The Hague Club, la Fondazione ha aderito nel 1998, all’European Foundation Centre*, un network più vasto di fondazioni europee che sostiene e valorizza il ruolo e l’opera della filantropia in Europa e nel mondo. Dal 2004 al 2008, la Presidente Laura Olivetti, ha rappresentato le Fondazioni europee, aderenti alla European Foundation Centre, nell’International Committee del Council on Foundations di Washington, che svolge una funzione di promozione della cooperazione nel campo della filantropia a livello mondiale.

Dal 2015 la Fondazione aderisce all’EFC Communications Professionals in Philanthropy Network, che riunisce i Responsabili della Comunicazione delle Fondazioni associate e, dal 2018 all’ EFC Funders’s Forum on Sustainable Cities, con cui vengono condotti studi e analisi per individuare processi innovativi per un futuro urbano più inclusivo, equo e sostenibile, in linea con i principi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Insieme con le molteplici iniziative realizzate all’interno di CPPN e FFSC, ci sono molte altre iniziative che la Fondazione Adriano Olivetti ha realizzato insieme con alcune fondazioni europee dell’European Foundation Centre. Fra queste citiamo il progetto di ricerca/azione Trans:it. Moving Culture through Europe a cura di Bartolomeo Pietromarchi, realizzato in collaborazione con European Cultural Foundation, Fondation Evens, Fondation de France, The J.F. Costopoulos Foundation, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, presentato alla 51ma Biennale Internazionale di Arte di Venezia; il Forum sull’inclusione delle Comunità Rom in Europa, realizzato in collaborazione con l’EFC Forum for Roma Inclusion e con la Commissione Straordinaria dei Diritti Umani del Senato della Repubblica.

Inoltre, durante le assemblee generali dell’European Foundation Centre – che riuniscono annualmente più di 500 delegati delle fondazioni membro – la Fondazione ha promosso diversi panel di confronto, fra cui: Industrial sites and urban renewal – the role of Foundations, realizzato nel 2011 in collaborazione con la Fritt Ord Foundation; The art of philanthropy: new paradigms for social change, realizzato nel 2015 in collaborazione con il Working Group on Philanthropy for Social Justice and Peace, Alliance Magazine, European Cultural Foundation, Fondation de France e la Naseej Foundation.

 

*L’European Foundation Centre (EFC) è stata costituita nel 1989 da sette fondatori: Charities Aid Foundation, European Cultural Foundation, Fondation de France, Fundação Oriente, King Baudouin Foundation, Oranje Fonds, Stifterverband für die Deutsche Wissenschaft.

European Foundation Centre

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email