All’Università dell’Insubria una Lezione Olivettiana

Lezione Olivettiana

All’Università dell’Insubria una Lezione Olivettiana

Lezione Olivettiana

All’Università dell’Insubria una Lezione Olivettiana con il nostro Segretario generale Beniamino de’ Liguori Carino e il Professor Goiacchino Garofoli, CRIEL – Università degli Studi dell’Insubria.

Perché a distanza di oltre mezzo secolo la visione di Adriano Olivetti, è ancora così attuale e perché i ragazzi più giovani dovrebbero conoscerla? Non c’è una sola risposta a queste domande ma uno stimolo a riscoprire una pagina della storia economica italiana che è stata molto più che un’esperienza industriale.

Design, letteratura, arte, innovazione, tecnologia, filosofia e poesia: inquadrare questa esperienza straordinaria in un unico settore è infatti riduttivo. Basti pensare che le menti italiane più brillanti di quegli anni sono tutte entrate in contatto con il modo di concepire l’impresa di Adriano Olivetti, in quel particolare momento e luogo della nostra storia, lasciando un’eredità di cui ancora troppo poco si conosce. Il benessere delle persone, per la prima volta, diventava parte integrante del fare impresa, al pari delle variabili economiche e di bilancio.

La Lezione Olivettiana all’Università dell’Insubri è un’occasione per conoscere o approfondire la storia di una delle più affascinanti realtà economiche italiane del Novecento. Un’esperienza di qualità e innovazione, quella della Olivetti, e anche un modello virtuoso, tra i primi in Italia e nel mondo, di impegno sociale, responsabilità e ricerca del benessere della propria comunità intesa nel senso più ampio del termine.

La Lezione Olivettiana è realizzata nell’ambito del progetto di ricerca Skillmatch-Insubria “CROSS-BORDER SKILL (MIS)MATCHING: Azioni, dati e analisi per ottimizzare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro in termini di profili di competenze nello spazio transfrontaliero insubrico”.

La Lezione sarà trasmessa dalle 10 alle 12 giovedì 17 marzo 2022 sulla piattaforma Microsoft Teams. La partecipazione è gratuita.

Approfondisci

 

 

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Precedente
Successivo

Rimani aggiornato sulle nostre attività

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email